1. Skip to Menu
  2. Skip to Content
  3. Skip to Footer>

“Spirito di squadra, spirito vincente”

Stampa E-mail

Image 04“Spirito di squadra, spirito vincente”: questo il titolo di un evento promosso dall’Azienda Ospedaliera di Lecco che individua in questo binomio “la chiave di volta del successo di un’azienda, anche ospedaliera”. C’è la consapevolezza che un clima aziendale positivo, un adeguato e forte senso di appartenenza, uno spirito comune e condiviso possano svolgere una funzione decisiva, in un  organizzazione complessa come quella ospedaliera, per acquisire buoni risultati e buone performances.
L’appuntamento è in programma lunedì 10 ottobre, alle 20.45, presso l’Aula Magna dell’Ospedale di Lecco. Si rivolge agli operatori dell’Azienda e dei suoi presidi, ma al contempo è aperto alla città e al territorio , insomma a tutti coloro che sono interessati.
Nel corso dell’incontro saranno resi noti i dati di attività e le performances dell’Azienda Ospedaliera nel primo semestre di quest’anno, ma si parlerà , appunto, anche di spirito di squadra.
Invitata all’evento, come testimone privilegiato, la squadra del Rugby Lecco: “Già, perché alla base della nostra filosofia – dice Mauro Lovisari , Direttore Generale dell’Azienda Ospedaliera della Provincia di Lecco – ci sono diversi richiami alla filosofia del rugby, alla logica del gruppo e della squadra che sostiene il rugby (con tutti i suoi risvolti umani ed etici), una disciplina in cui il rispetto delle regole e dei ruoli di ciascun giocatore viene prima di ogni cosa”.
Del Rugby Lecco , che milita nel campionato di serie B , saranno presenti il suo Presidente, Stefano Gheza , accompagnato da Adrian Di Giusto, Direttore Tecnico, e Giancarlo Locatelli, capitano della squadra. A completare la serata l’intervento musicale dei Noxa Patoxa , gruppo di musicisti che sono al contempo anche operatori sanitari, buona parte di essi attivi all’Ospedale Mandic. La loro esibizione sarà inframezzata dalla lettura dell’attrice Giusi Vassena di alcuni brani tratti dal libro “Andare avanti guardando indietro” , scritto da Mauro e Mirco Bergamasco, due top players della Nazionale italiana di Rugby.