1. Skip to Menu
  2. Skip to Content
  3. Skip to Footer>

Locatelli invitato in Cina

Stampa E-mail

Image 04 Francesco Locatelli, direttore del Dipartimento di Nefrologia e Dialisi dell’Azienda Ospedaliera, è ospite , da oggi a venerdì 9 settembre, dell’Oriental Congress of Nephrology , in programma a Shangai. Al congresso, che riunisce  gli specialisti di gran parte dei paesi dell’estremo oriente, Locatelli terrà un corso di aggiornamento sulla terapia dell’anemia nel paziente con insufficienza renale, di cui è tra i massimi esperti al mondo.
“L’anemia renale – spiega lo specialista del Manzoni – è una condizione patologica che caratterizza la maggior parte dei pazienti affetti da una malattia renale causata da livelli di globuli rossi molto bassi. In questi pazienti, parallelamente alla diminuzione della funzione renale, si manifesta una graduale riduzione della produzione di globuli rossi nel sangue. Il rene infatti – aggiunge Locatelli - oltre ad avere una funzione filtrante, cioè di eliminazione di acqua, sale e tossine, produce anche un ormone, detto eritropoietina, responsabile proprio della produzione e maturazione dei globuli rossi. Le cause dell’anemia sono, soprattutto, una ridotta produzione, ma anche una ridotta sopravvivenza dei globuli rossi associata ad una carenza di ferro”.
“Il trattamento della patologia legata all’insufficienza renale cronica rappresenta, grazie alla disponibilità delle epoetine definite per brevità ESA, agenti che stimolano la produzione di globuli  rossi, una delle conquiste più significative della medicina moderna e per i malati renali – spiega ancora il primario di Lecco - senz’altro il maggior successo terapeutico dopo la scoperta della dialisi e l’implementazione del trapianto di rene. Si può affermare che è cambiata drasticamente la vita dei pazienti i quali, in passato, dovevano sottoporsi a numerosissime trasfusioni per correggere l’anemia, e che comunque mantenevano livelli di globuli rossi molto bassi con conseguenti complicanze cliniche, notevole sintomatologia e pessima qualità di vita“.